Pinocchio

In scena al Teatro Mongiovino sabato 10 e domenica 11 marzo alle 16.30

Compagnia Teatro del Drago di Ravenna

Dalle tavole originali di Alain Letort
colorate da Gianni Plazzi
Pupazzi di Mauro Monticelli
Musiche originali di Claudio Capucci e Morrigan’s Wake
Età consigliata: dai 4 anni in su

Lo spettacolo “cult” della compagnia, con le sue 1000 repliche ha girato il mondo facendo conoscere il particolare percorso artistico contemporaneo della compagnia basato su una drammaturgia per immagini e una originale tecnica di animazione a vista.
Pinocchio è uno spettacolo in cui immagini, musica e animazione si fondono creando un’atmosfera giocosa e piena di colore, qual è il grande circo di Pinocchio. Adatto anche ai più piccoli è stato rappresentato in quasi tutti i paesi europei, in Africa(Tunisia), in Medio Oriente (Israele), in Asia (Giappone,Taiwan), come rappresentante
della cultura italiana nel settore dei burattini e delle marionette.

La scenografia e i pupazzi sono ispirati alle immagini di Alain Letort, artista francese che ha reso omaggio al famoso burattino di legno creando 12 tavole a china, colorate in seguito da Gianni Plazzi. La trama rispecchia i personaggi dei disegni, quali ad esempio Geppetto, il Gatto e la Volpe, la Fatina, Mangiafuoco, creando “quadri e scene” indipendenti, come in un collage che voglia ripercorrere visivamente la famosa storia di Collodi. L’intero spettacolo si svolge nella parte centrale della scena, dove lo spazio teatrale ospita di volta in volta gli scarni elementi scenici, quali ad esempio la PORTA, il TEATRO dei BURATTINI, l’ALBERO, il CIRCO. Nello stesso spazio si muovono anche gli attori, accompagnatori fissi dei pupazzi, in una “animazione a vista” che e’ ormai parte integrante dell’espressione e della ricerca condotta negli ultimi anni dalla compagnia.I quattro attori diventano così fondamento dell’azione scenica, come se in carne ed ossa fossero entrati, loro stessi, nel circo colorato della favola di PINOCCHIO. La colonna sonora originale e’ stata eseguita e composta dal gruppo Morrigan’s Wake e da Claudio Capucci.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*