Picablo

In scena al Teatro Mongiovino il 17 febbraio alle 20.30

16 febbraio 2018, ore 10.30

17 febbraio 2018, ore 20.30

Compagnia: Tam Teatro Musica

Con: Flavia Bussolotto e Alessandro Martinello
ideazione, regia e musiche: Michele Sambin
scrittura: Pierangela Allegro
video animazione: Raffaella Rivi
costumi: Claudia Fabris

“A quattro anni dipingevo come Raffaello, mi ci è voluta una vita intera per imparare a disegnare come un bam-bino.”(P.P.)
Pablo Diego Josè Francisco Juan Maria Cipriano Clito Patricio sono solo alcuni dei tanti nomi di Picasso, primo indizio di una personalità sfaccettata e multiforme, la cui arte è piena di motivi ricorrenti e invenzioni straordinarie. Nella sua sterminata produzione abbiamo individuato alcuni temi e ricercato il ritmo interno delle immagini pittoriche. E così, come il lavoro artistico di Picasso è racchiuso in periodi, abbiamo racchiuso il nostro lavoro teatrale in episodi.
Tutto ha inizio nello studio del pittore. E’ lì che i quadri prendono vita, vengono interpretati, abitati e trasformati. Lo studio, luogo di scoperte e rivelazioni inattese, si apre poi all’esterno. Un esterno attraversato in compagnia di saltimbachi e tori, ballerine, colombe, arlecchini e toreri … All’inizio è un Picasso vecchio quello che dal suo studio ci guarda. Lentamente andrà indietro nel tempo fino a tornare bambino. Nello studio, sui cavalletti, sono posati i pannelli/quadro e c’è un gran da fare a spostarli più avanti o più indietro a destra o a sinistra per cogliere frammenti delle immagini proiettate, con movimenti lenti o con ritmica concitazione. Sono i quadri, la pittura, a ispirare e guidare le azioni dei performer che, nelle vesti dei due Custodi del circo museo ambulante Picablo, ci invitano ad entrare nella magia dell’arte visiva.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*